The course

Title: [7026/2023] - INDUSTRIAL PHARMACY
  • Class: LM-13.
  • Location: MESSINA
  • Language: Italian
  • President: MARIA ZAPPALA'
  • Access: Programmed

Il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CTF) attivato nell'ambito della Classe LM-13 - Farmacia e Farmacia Industriale, abilita all’esercizio della professione di Farmacista (Legge163/2021, Decreto Interministeriale 651/2022, D.M. n.1147/2022).
Il corso di laurea magistrale in CTF ha come obiettivo la formazione di un laureato dotato delle basi scientifiche e della preparazione teorica e pratica necessarie all’esercizio della professione di farmacista e per operare in posizioni di responsabilità in tutti i settori pubblici e privati direttamente o indirettamente collegati alla progettazione, allo sviluppo, alla produzione, al controllo, alla dispensazione ed alla vigilanza post-marketing dei medicinali, dei diagnostici e dei prodotti per la salute. 
Il laureato in CTF è un esperto del farmaco in grado di operare elettivamente in ambito industriale farmaceutico e di affrontare l’intera sequenza del complesso processo multidisciplinare che dalla progettazione di una nuova entità molecolare, attraverso le opportune fasi di ottimizzazione farmacodinamica e farmacocinetica, porta alla produzione industriale e al controllo di qualità di un nuovo farmaco ad uso terapeutico, secondo le norme vigenti in materia.
Gli obiettivi formativi sono raggiunti mediante: a) attività formative di base (matematiche, fisiche, chimiche, biologiche, mediche) che consentono allo studente si acquisire una solida preparazione scientifica propedeutica alla comprensione delle discipline caratterizzanti; b) attività formative caratterizzanti (farmaceutico-alimentari, tecnologiche normative ed economico-aziendali, biologiche e farmacologiche) necessarie ad acquisire la conoscenza delle caratteristiche chimiche e strutturali dei principi attivi, delle forme farmaceutiche e delle materie prime utilizzate nelle formulazioni dei medicinali, nonché delle basi farmacologiche del loro meccanismo d'azione ivi inclusi gli aspetti farmaco-terapeutici, tossicologici e di farmacovigilanza; delle norme legislative e deontologiche utili all'esercizio dei vari aspetti dell'attività professionale. Le attività didattiche che prevedono esercitazioni di laboratorio a posto singolo permettono inoltre di acquisire competenze pratiche indispensabili allo svolgimento della professione. Gli insegnamenti del percorso formativo sono in accordo con le Direttive dell'Unione Europea. La durata del corso di studio è di cinque anni accademici per complessivi 300 Crediti Formativi Universitari (CFU). La didattica è erogata in modalità convenzionale ed è di norma semestrale; la frequenza ai corsi è obbligatoria. I corsi di insegnamento e le relative propedeuticità sono riportati nel Regolamento Didattico del corso di laurea in CTF.
In osservanza alle Direttive europee ed ai sensi della legge n. 163/2021 e del Decreto Interministeriale n. 651 del 5/7/2022, il corso di laurea in CTF prevede un periodo di sei mesi di tirocinio professionale pratico-valutativo (TPV) presso una farmacia aperta al pubblico e/o una farmacia ospedaliera o presso i servizi farmaceutici territoriali posti sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico.
L’esame finale per il conseguimento della laurea magistrale comprende lo svolgimento di una prova pratica valutativa (PPV) delle competenze professionali acquisite con il TPV, e la successiva discussione della tesi di laurea, obbligatoriamente di natura sperimentale, realizzata sotto la guida di un docente con funzione di relatore.

 

Modalità di ammissione al Corso di Laurea in CTF
Per essere ammessi al Corso di Laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di altro titolo di studio conseguito all estero e riconosciuto equipollente.
Il corso di laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche è un corso ad accesso programmato, in base all’art. 2 comma 1 (lettere a-b) della legge 2 agosto 1999 n. 264, in quanto l’ordinamento didattico prevede l'utilizzazione di laboratori per esercitazioni a posto singolo, e prevede un periodo di sei mesi di tirocinio professionale pratico-valutativo (TPV) presso una farmacia aperta al pubblico, o in un ospedale sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico. Il numero massimo di studenti che possono essere ammessi al primo anno di corso è fissato in 100 unità, di cui 5 riservate a studenti extra-comunitari dei quali 3 di nazionalità cinese. Le modalità di svolgimento della selezione saranno rese pubbliche con il Bando per l’ammissione ai Corsi di Laurea triennale e a ciclo unico a numero programmato a livello locale, emanato dall'Università degli Studi di Messina.
La verifica della preparazione iniziale (ex art. 6, comma 1, D.M. 270/2004) e l’eventuale assegnazione di obblighi formativi aggiuntivi (OFA) verranno effettuate tramite il test gestito dal CISIA – Consorzio Interuniversitario Sistemi Integrati per l’Accesso, denominato TOLC-F. 
Nel caso in cui la verifica della preparazione iniziale non sia positiva saranno assegnati degli OFA da soddisfare entro il primo anno di corso. Le modalità di recupero delle eventuali carenze nella preparazione iniziale verranno rese note agli studenti tramite avvisi sul sito web del CdS. Gli OFA potranno essere assolti anche attraverso il superamento dell'esame di Chimica Generale ed Inorganica. In caso di mancato assolvimento degli OFA entro il primo anno, lo studente sarà iscritto al primo anno ripetente. 
 

Obiettivi
Obiettivi formativi specifici Il corso di laurea magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (CTF), di durata quinquennale, ha come obiettivo la formazione di un laureato dotato delle basi scientifiche e della preparazione teorica e pratica necessarie all’esercizio della professione di farmacista e per operare, in posizioni di responsabilità e di coordinamento, in tutti i settori pubblici e privati direttamente o indirettamente collegati alla progettazione, allo sviluppo, alla produzione, al controllo, alla dispensazione ed alla vigilanza post-marketing dei medicinali, dei diagnostici e dei prodotti per la salute. In particolare, il corso di laurea magistrale in CTF fornisce una preparazione scientifica avanzata idonea a formare una figura professionale di esperto del farmaco in grado di operare elettivamente in ambito industriale farmaceutico, essendo in grado di affrontare l’intera sequenza del complesso processo multidisciplinare che dalla progettazione di una nuova entità molecolare, attraverso le opportune fasi di ottimizzazione farmacodinamica e farmacocinetica, porta alla produzione industriale e al controllo di qualità di un nuovo farmaco ad uso terapeutico, secondo le norme vigenti in materia. Il corso si prefigge, pertanto, di formare una figura professionale che, in virtù delle conoscenze e competenze multidisciplinari acquisite, sia in grado di soddisfare le esigenze del settore industriale farmaceutico, cosmetico, dei dispositivi medici e degli integratori alimentari, oltre che degli enti, pubblici e privati, di ricerca e di regolamentazione dell'area sanitaria.
L'insieme delle attività formative del CdS ha lo scopo di fornire al Laureato: l'acquisizione del metodo scientifico di indagine applicato in particolare alle tematiche del settore industriale farmaceutico; le conoscenze multidisciplinari fondamentali per la comprensione del farmaco, della sua struttura ed attività in rapporto alla loro interazione con le biomolecole a livello cellulare e sistemico, per l’identificazione e validazione di nuovi target farmacologici; per l'identificazione di nuovi farmaci in base alle evidenze sperimentali di efficacia e sicurezza, nonché per le attività di progettazione, preparazione e controllo dei medicinali; le competenze necessarie nell'attività di preparazione e formulazione delle diverse forme farmaceutiche, e di altri aspetti di tecnologia farmaceutica incluse le tecnologie innovative di drug delivery. Fornisce inoltre conoscenze delle norme legislative e deontologiche necessarie all’esercizio dell’attività professionale, nonché delle leggi nazionali e comunitarie che regolano le varie attività del settore. Tali conoscenze sono fondamentali per poter garantire i requisiti di sicurezza, qualità ed efficacia richiesti dalle normative dell’OMS e dalle direttive nazionali ed europee per i farmaci e per i prodotti per la salute.
Fornisce infine la conoscenza di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.

Il quadro delle attività formative del CdS in CTF prevede la conoscenza, nell'ambito dell'area delle attività formative di base riguardanti le discipline matematiche, statistiche e fisiche, di elementi di matematica e fisica finalizzati all'apprendimento delle altre discipline del corso. Nell'ambito dell'area delle attività formative di base riguardanti le discipline chimiche, lo studente dovrà conoscere i principi fondamentali della chimica generale ed inorganica; i principi fondamentali della chimica organica, gli elementi fondamentali della chimica analitica. 
Nell'ambito dell'area delle attività formative di base inerenti le discipline bio-mediche verranno forniti allo studente: conoscenze fondamentali di biologia cellulare, principi di anatomia e fisiologia umana, nonché principi di patologia e di eziopatogenesi delle patologie umane, elementi di microbiologia. 
Tali conoscenze, apprese prevalentemente nel biennio, saranno utili per acquisire:
1. relativamente all'area delle attività formative caratterizzanti nell'ambito delle discipline Farmaceutico-alimentari, conoscenze e competenze inerenti: a) la progettazione e la sintesi, le proprietà chimico-fisiche, i meccanismi di azione a livello molecolare, le relazioni fra struttura chimica e attività biologica delle principali classi di farmaci; b) i metodi analitici di identificazione e determinazione quantitativa dei medicinali e dei loro metaboliti; c) le biotecnologie applicate allo sviluppo di nuovi farmaci e prodotti farmaceutici biotecnologici; d) i prodotti alimentari, dietetici e nutrizionali, e) le piante medicinali quali fonti di molecole farmacologicamente attive.
2. relativamente all'area delle attività formative caratterizzanti nell'ambito delle discipline tecnologiche normative e economico-aziendali le conoscenze e competenze inerenti: a) la preparazione delle varie forme farmaceutiche sia in forma galenica che in forma di specialità medicinale; b) le conoscenze di base e avanzate della tecnologia farmaceutica con particolare riguardo ai cicli produttivi industriali, agli impianti di produzione ed al controllo di qualità dei medicinali; c) le norme legislative e deontologiche necessarie all'esercizio dei vari aspetti dell'attività professionale; d) i principi dell'economia aziendale.
3. relativamente all'area delle attività formative caratterizzanti nell'ambito delle discipline biologiche e farmacologiche le conoscenze e competenze inerenti: a) la biochimica generale ed applicata; b) la farmacologia, la farmacoterapia e la tossicologia, al fine di una completa conoscenza dei farmaci e degli aspetti relativi alla loro somministrazione, metabolismo, azione, tossicità ed interazioni; c) la farmacognosia delle piante officinali e dei loro principi farmacologicamente attivi.
Il corso di laurea magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche prevede attività pratiche di laboratorio nelle discipline caratterizzanti in modo da fornire adeguate conoscenze e competenze per operare nel mondo farmaceutico e della sanità e dei prodotti per la salute, dalla progettazione alla dispensazione e vigilanza nelle fasi post-marketing.
In osservanza alle direttive Europee ed ai sensi della legge n. 163/2021 e del Decreto Interministeriale n. 651 del 5/7/2022, il corso di laurea prevede un periodo di sei mesi di tirocinio professionale pratico-valutativo (TPV) presso una farmacia aperta al pubblico e/o una farmacia ospedaliera o presso i servizi farmaceutici territoriali posti sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico. Il Tirocinio Pratico Valutativo costituisce parte integrante della formazione universitaria, si svolge attraverso la partecipazione assistita e verificata dello studente alle attività della struttura ospitante e deve comprendere contenuti minimi ineludibili di valenza tecnico-scientifica e pratico-operativa dell’attività del farmacista, compresi i seguenti ambiti: la deontologia professionale, la conduzione e lo svolgimento del servizio farmaceutico, la somministrazione/dispensazione, conservazione e preparazione dei medicinali, le prestazioni erogate nell’ambito del SSN, l’informazione ed educazione sanitaria della popolazione, la gestione imprenditoriale della farmacia e tutti i servizi previsti dalla normativa vigente. La prova finale, preceduta da una prova pratica valutativa (PPV) delle competenze acquisite con il predetto tirocinio, consiste nella discussione di una tesi a carattere sperimentale. 

Profilo professionale e sbocchi occupazionali e professionali 
Il Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche fornisce quell'insieme di conoscenze e competenze teorico-pratiche in campo chimico, biologico, farmaceutico e tecnologico indispensabili per svolgere la professione di Farmacista in ambito territoriale e ospedaliero, e per affrontare, in ambito industriale farmaceutico, l'intera sequenza del complesso processo multidisciplinare che parte dalla progettazione di molecole potenzialmente attive e porta alla sintesi, sperimentazione, produzione, controllo, registrazione ed immissione sul mercato del farmaco, secondo le norme specifiche del settore. 


Il corso prepara alle professioni di (codifiche ISTAT):

  1. Chimici e professioni assimilate - (2.1.1.2.1)
  2. Chimici informatori e divulgatori - (2.1.1.2.2)
  3. Farmacologi - (2.3.1.2.1)
  4. Farmacisti - (2.3.1.5.0)
  5. Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze chimiche e farmaceutiche - (2.6.2.1.3)